Il CEO di MicroStrategy dice che l’azienda potrebbe vendere Bitcoin recentemente acquisito in qualsiasi momento – Ecco perché

MicroStrategy ha recentemente sconvolto il mondo dei crittografi con il suo acquisto di blockbuster bitcoin. La società di software con sede nel Delaware ha indicato che il bitcoin è un negozio di valore adeguato che ha un „potenziale di apprezzamento a lungo termine più a lungo termine rispetto al denaro contante“.

Ma nonostante la massiccia scommessa del Bitcoin Compass dell’azienda il CEO, Michael Saylor sostiene di non essere un fanatico del cripto. Questo significa che l’azienda può liquidare la BTC che attualmente possiede ogni volta che lo ritiene opportuno.

Perché MicroStrategy potrebbe scaricare facilmente le sue partecipazioni BTC

In un’intervista con Bloomberg del 22 settembre, il CEO di MicroStrategy ha osservato che la decisione della FED di lasciare che l’inflazione si scaldasse, lo ha spinto a convertire in bitcoin le partecipazioni in contanti dell’azienda. Ha ribadito la sua convinzione che il bitcoin è meno rischioso che detenere denaro contante o addirittura oro.

Tuttavia, ha dichiarato che la sua società non esiterà a vendere la criptovaluta in qualsiasi momento se i rendimenti delle obbligazioni andranno alle stelle.

„Possiamo liquidarla in qualsiasi giorno della settimana, a qualsiasi ora del giorno. Se avessi bisogno di liquidare 200 milioni di dollari di Bitcoin, credo che potrei farlo di sabato. Se mi tagliassi i capelli, credo che sarebbe il 2%“.

Purtroppo, la Bitcoin è crollata da quando l’azienda l’ha acquisita. Saylor, tuttavia, ha chiarito che non ha intenzione di vendere nel prossimo futuro, nonostante la volatilità selvaggia dell’asset. Ha posposto: „La volatilità non è un vero motivo per vendere. Al momento è l’unica cosa che possiamo trovare con un rendimento reale positivo“.

Altre aziende salteranno presto sul carrozzone Bitcoin

Vale la pena ricordare che dopo che Saylor ha annunciato l’acquisto di altri 175 milioni di dollari di bitcoin, le azioni della società sono aumentate di quasi il 10%. Inoltre, durante la sua intervista con Bloomberg, ha rivelato di aver avuto discussioni con i grandi azionisti e la maggioranza di loro si è complimentata per la sua decisione di investire nella valuta di punta.

Saylor ha inoltre previsto che altre aziende seguiranno le loro orme e acquisteranno bitcoin nel prossimo futuro.

„Probabilmente saranno prima le aziende private, perché non hanno altrettanta inerzia. Le aziende pubbliche delle nostre dimensioni, poi le aziende di medie dimensioni“.